giovedì 23 settembre 2010

Altro!





Queste non sono parole mie, sono parole che mi son state dedicate, donate;
forse non tutte condivisibili, ma belle, vere, importanti. Grazie.


____________________

Io non cerco amore
non voglio un fidanzato, un innamorato, un marito, un amante
ciò che vivo e condivido è molto più di questo
c'è sentimento, emozione, complicità, simbiosi
non potrebbe essere altrimenti
c’è attrazione fisica, altrimenti sarebbe difficile
ma non voglio e non provo un "ti amo"
io voglio, provo e vivo un "appartengo" che è molto di più
che non potrà mai cadere nella banalità,
nelle discussioni, nelle gelosie di una coppia di fidanzati...
Il nostro ti amo,sono altre cose,
sono i segni sulla pelle,
sono i pensieri che condividiamo,
le emozioni che proviamo,
i baci che NON ci diamo...
Il mio ti amo, è obbedire,
è rispettare,
donare e comprendere...
il Suo è insegnarmi,educarmi,
prendersi cura di me...
e io dovrei volere di più?
dovrei voler essere l’amore del suo cuore e Lui del mio?
Io voglio un unione di testa e anima
che si manifesta attraverso il corpo e ci unisce attraverso la continua e reciproca scelta...
non dirò mai ti amo e non voglio sentirmelo dire
perché noi abbiamo e siamo altro.

12 commenti:

  1. ........un bellissimo dono....
    milou

    RispondiElimina
  2. Davvero delle belle parole, che colpiscono per la loro consapevolezza e la forza della loro intensità.
    Anche se, personalmente, farei fatica a rinunciare ad un Ti Amo.

    RispondiElimina
  3. Parole forti... davvero.
    Peccato non aggiungerlo quel TI AMO... così evidente ai miei occhi...
    Io lo direi... lo urlerei, lo sussurrerei e lo supplicherei...
    TI AMO!!
    Quant'è bello dirlo...
    Ma ovvio... io sono io...
    In ogni caso, non credo sminuirebbe la forza del concetto chiaro che chi ti ha dedicato queste parole esprime... nè l'intesa mentale e fisica che qui viene descritta così totale e appagante...
    Amare comprene tutto, anche questo, io credo...
    Ma forse si esprimono concetti analoghi, con parole diverse.
    Forse...
    Belle parole comunque, davvero...
    Bello dedicarle, donarle...
    Bello riceverle...
    Complimenti.

    RispondiElimina
  4. Questo è un Dono che mi è stato fatto e come tale lo prendo.
    Questo è ciò che lei sente e vive ora ed è giusto che questo dica
    il futuro può esser tutto o nulla

    RispondiElimina
  5. suo cuore? minuscolo? cento frustate!

    RispondiElimina
  6. @ Anonimo:
    I dettagli sono importanti, sempre, e sono il primo a sostenerlo.
    E non mi servon suggerimenti su come guidare lei.
    certo che leggere queste parole e soffermarsi sul "suo" minuscolo forse è un pò come cercar la pagliuzza e non veder la trave.
    Grazie comunque del commento Anonimo/a

    RispondiElimina
  7. Certo che queste maestrine con la riforma Gelmini sono in crisi nera eh?

    RispondiElimina
  8. @ Anacreontica.
    eheh già, così pare

    RispondiElimina
  9. Bellissime e fantastiche parole.
    HO sempre creduto e lo credo tutt'ora perchè lo vivo che un rapporto di appartenenza vada oltre l'amore, lega due persone in una dimensione diversa.
    Trovo personalmente che dire TI AMO, a mio avviso rovinerebbe tutto, metterebbe questo rapporto in una dimensione diversa.fata morgana

    RispondiElimina
  10. Grazie Fata, anche io le trovo belle parole, splendide sensazioni.
    Non concordo con te sul fatto che "vada oltre l'amore", semplicemente è altro. A volte poi queste sensazioni, questo sentire, si coniuga all'amore come normalmente viene inteso ed in quel caso ci sta anche il "ti amo".
    Sono sensazioni, in questo caso ciò che lei sente, e che non hanno la pretesa d'essere dogmi. solo ciò che lei sente e vive.

    RispondiElimina
  11. "dire semplicemente è altro" a mio avviso sembra banalizzare il rapporto, credo che nel rapporto Master e slave ci si mostra all'altro per come si è nell'intimo e non ci si mostra cosi profondamente a tutti a mio modesto avviso. fata morgana.

    RispondiElimina
  12. Verissimo Fata, per questo è altro, Non di più o meno, semplicemente "altro" ma non è poco, anzi.

    RispondiElimina